Mar 4, 2009 - opinioni    12 Comments

LIBRERIA

Vi invito ad andare da DON LUCIANO
Ci sarà un piccolo video con una delle sue prime riflessioni
che lui ha pensato per noi per questa quaresima.
Grazie
******************************************************
1libreria.jpg

C’è un tale che ha una biblioteca vastissima, migliaia e migliaia di volumi; questa biblioteca ha solo un grave difetto: i libri non sono ordinati secondo alcun ordine logico, e ciò crea una gran confusione. Così, un giorno, questo tale decide di fare la cosa che aveva sempre rimandato, decide che è ora di catalogare i suoi libri. Essendo una persona molto precisa, però, procede in questo modo: cataloga tutti i libri più volte, a seconda di criteri diversi. Per esempio: prima li cataloga per anno di edizione, poi li cataloga per argomento, poi li cataloga per autore, poi per lingua, ecc ecc…’. Per fare ciò procede in questo modo: prende un registro (un catalogo appunto) e comincia a segnare, per esempio, tutti i libri scritti prima del 1900; poi prende un altro catalogo e vi segna tutti i libri scritti dopo il 1900; poi un altro e vi scrive tutti i libri di storia; poi un altro, il catalogo di tutti i libri scritti in italian o; poi il catalogo di tutti i libri scritti in inglese; poi il catalogo di tutti i manoscritti, e via dicendo. Alla fine di questo immane lavoro (fatto a mano) si ritrova con un centinaio di cataloghi, e d’improvviso si rende conto che anche quelli sono fisicamente dei libri, libri che si sono aggiunti alla sua collezione e che quindi vanno catalogati. E qui nota una cosa: alcuni cataloghi fanno parte dei libri che essi stessi catalogano, altri no. Per esempio: il catalogo dei libri scritti in italiano è ANCH’ESSO un libro scritto in italiano, e quindi deve essere catalogato in se stesso, in altre parole l’ultimo libro catalogato nel catalogo dei libri scritti in italiano è “il catalogo dei libri scritti in italiano”. E sono tanti altri i cataloghi che rispettano questa regola; per es. il catalogo dei libri scritti dopo il 1900 è un libro scritto dopo il 1900, e quindi si auto-cataloga; oppure il catalogo dei manoscritti è un manoscritto , quindi si cataloga; e via dicendo. Altri cataloghi invece non rispettano questa regola; per esempio: il catalogo dei libri di storia NON E’ un libro di storia, quindi non aggiunge se stesso in fondo all’elenco dei libri di storia; il catalogo dei libri scritti in inglese NON E’ scritto in inglese, quindi non si cataloga; eccetera. A questo punto il tale si accorge che manca solo una cosa alla sua opera per poterla ritenere completa: i due cataloghi finali: IL CATALOGO DEI CATALOGHI CHE SI CATALOGANO e IL CATALOGO DEI CATALOGHI CHE NON SI CATALOGANO. Prende due nuovi cataloghi ed in uno vi segna tutti i cataloghi che aggiungono se stessi in fondo, e nell’altro segna tutti i cataloghi che non aggiungono se stessi in fondo. Ed ora, per finire, deve solo decidere se questi due cataloghi finali si catalogano oppure no. E qui viene il bello… infatti mentre è logico che IL CATALOGO DEI CATALOGHI CHE SI CATALOGANO si auto-cataloga, il problema sorge con l’altro, IL CATALO GO DEI CATALOGHI CHE NON SI CATALOGANO, perché se lo scrive in fondo a se stesso allora diventa un catalogo che si cataloga, e quindi non deve scrivercelo essendo quello il catalogo di quelli che non si catalogano, ma se non ce lo scrive diventa un catalogo che non si cataloga, e allora deve scrivercelo, ma se ce lo scrive diventa un catalogo che si cataloga, e allora deve toglierlo….. eccetera eccetera, e non se ne esce.

LIBRERIAultima modifica: 2009-03-04T18:23:00+00:00da lauratani
Reposta per primo quest’articolo

12 Commenti

  • Sogni…
    sogni azzurri, rosa, dorati…
    sogni appesi
    con un fiocco bianco
    ai rami della mia fantasia
    sogni…
    sogni d’amore
    sogni appena accennati
    per non sciupare
    l’attesa della sorpresa…
    sogni…
    Buona serata mia cara e sogni…d’oro.
    Un abbraccio

  • avevo anch’io lo stesso problema migliaia di libri mai letti e che nessuno mai leggerà, non sapevo dove metterli, allora ho deciso: bruciarne una buona parte nel camino, lo scorso inverno mi sono riscaldato per un paio di mesi e ne ho ancora ma questi li tengo anche se non li leggo.
    Ciao Laura notte
    pppp

  • E maledetto fu quel giornio perchè nion ebbe più tempo di leggere i suoi libri…ahahah!!
    Io li ho tutti in varie piccole librerie alla rinfusa senza nessuna catalogazione.

    Un saluto Laura e buona giornata.

    Adesso per me il template è bellissimo, i primi template che ho avuto qui, erano azzurri o blu ricavati dai template di Myblog.

  • weeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ciaooooo lauroskyyyyyyyyyy

  • Volevi farmi venire il mal di testa con tutti sti cataloghi??? Da don Luciano sono già passato stamane…

  • Anch’io come paolo pietro nel passato ho dovuto bruciare un pò di libri e non ti nascondo la sofferenza… ma non sapevo più dove metterli…
    i libri sono una grande ricchezza
    peccato non poterli leggere…
    un saluto e un abbraccio.

  • Dai vedrai che piano piano trovi anche come cambiare i colori ai caratteri delle barre e la loro grandezza, per il momento non ti dico niente poi se proprio non ne esci fuori fammi un fischio che la PINGUINA corre subito in tuo aiuto…. ahahahah!!!

    Ciao laura e buona giornata.

  • ciao laura,
    tutto bene?
    buona giornata

  • ecchèdiavolo troppo catologoso sto post

  • ahh si quello li zi zongo io

  • e do cazzo l’è che sarei ipocrita?

  • Bella la storia dei cataloghi. Però è una copia del paradosso delle classi che non sono membri di se stesse che Bertrand Russel risolse spiegando che appartengono a ordini diversi. Quindi è un paradosso solo apparente.
    Ciao

Lascia un commento