Browsing "messaggi"
Set 26, 2014 - messaggi    No Comments

IL MONDO

L’OTTIMISTA PENSA CHE QUESTO SIA IL MIGLIORE DEI MONDI POSSIBILE, IL PESSIMISTA SA CHE E’ VERO

Ago 29, 2014 - messaggi    No Comments

Tu sei uno stato d’animo, non una presenza.

“Tu sei uno stato d’animo, non una presenza. Qualche volta sei odio: uno stato d’animo; altre volte sei amore: un altro stato d’animo. Altre volte sei rabbia o avidità: altri stati d’animo. Sei stato d’animo! Non sei mai una pura presenza. E la tua consapevolezza è sempre tinta dai tuoi umori. Ogni stato d’animo diventa il padrone: modifica la consapevolezza, la storpia, la muta, la tinge, la deforma”

(Osho)

Ago 14, 2014 - messaggi    No Comments

cammino

x

cammino…

cammino…

non ho nulla con me,

solo il mio presente,

apro la valigia,

è vuota,

ci sono solo i miei pensieri,

li metto in un angolo

di quella stanza vuota.

cammino…

cammino…

non ho nulla con me,

solo il mio presente,

apro la valigia,

è vuota,

ci sono solo i miei ricordi,

li metto in un angolo

di quella stanza vuota.

cammino…

cammino…

non ho nulla con me,

solo il mio presente,

apro la valigia,

è vuota,

ci sono solo i miei sogni,

li metto in un angolo

di quella stanza vuota.

cammino…

cammino…

non ho nulla con me,

solo il mio presente,

apro la valigia,

ci sono i miei pensieri, i miei sogni e i miei ricordi,

li metto in un angolo

di quella stanza non più vuota.

(Strampalaura)

 

Ago 8, 2014 - messaggi    No Comments

PERCHÈ SIAMO ROMAGNOLI e ce ne vantiamo:

 

Perché guai a chi ci tocca la esse!
Perché la piadina fa convertire anche il kebab che diventa amico dello speck.
Perché da noi non ci si fidanza: “Us fa l’Amor” (si fa l’amore)
Perché ancora a sessant’anni chiamiamo gli amici “Chi Burdel” (quei ragazzi)
Perché la piada sardoni e cipolla fresca, va innaffiata col rosso.
Perché “Me a t’amaz!” (io ti ammazzo) lo diciamo solo a chi vogliamo bene.
Perché nel nostro parlare Dio Bò (Dio buono) è come l’ossigeno che respiriamo.
Perché i nostri nonni ci hanno insegnato che se entra qualcuno in casa e ha sete, non gli si offre l’acqua ma un bicchiere di Sangiovese.
Perché la Stagione al mare è la nostra scuola di vita.
Perché l’unico imbarazzo che abbiamo è quello di stomaco.
Perché “Boia de singuler, um toca d’andè a la messa”. (porca miseria. mi tocca andare a messa)
Perché usciamo dal Cocoricò cantando “Romagna e Sangiovese”.
Perché ovunque siamo, ci basta cantare Romagna mia, per sentirci a casa.
Perché i cappelletti col lesso a luglio sono un lusso che pochi possono permettersi…
Perché quando torniamo a casa “pin come un ov” (pieni come un uovo) è colpa degli strozzapreti troppo unti del ristorante…
Perché “A dì, ciò…” (a dire questo) riassume tutti gli affanni e i triboli esistenziali…
Perché abbiamo tutti il colesterolo e i trigliceridi alti, ma ai ciccioli non si può mica dire di no..
Perché da noi il nebbione è un evento metereologico scassamaroni, non uno stato mentale…
Perché da noi quando “E’ bòfa” (E’ bufera) , la neve supera il metro… non 5 cm.
Perché se passa un amico a salutarci: “dai fermati da noi, mangiamo quel che c’è!” e in 20 minuti “ù scapa fòra” (ne esce) un buffet da sposalizio..
Perché la spiaggia d’inverno con sto grigio che è di mille colori, sto freddo che ti scalda il cuore, con le “gabine” (cabine/spogliatoi) chiuse e con l’eco dei pensieri che riempie il mare: NON SI PUÒ DIMENTICARE

Ago 1, 2014 - messaggi    No Comments

è così…

Sono milioni quelli che desiderano l’immortalità, e poi non sanno che fare la domenica pomeriggio se piove.

Pagine:«123456789...35»